8 MARZO: PER NON DIMENTICARE

Sembra opportuno ricordare o far conoscere Elisabeth Cady Stanton (1815-1902), considerata la leader del primo movimento femminista statunitense, autrice della Dichiarazione dei Sentimenti, pronunciata ed approvata alla Convenzione sui Diritti delle Donne, passata alla storia come Convenzione di Seneca Falls (1848).

Sono sue queste parole “Chi, vi chiedo, può prendere, osare prendere su di sé i diritti,

                                                      i doveri, le responsabilità di un’altra anima umana?

Parole che la storica Anna Rossi Doria, l’intellettuale più stimata ed influente nell’universo politico femminile negli anni ’70-’90, recentemente scomparsa, volle stampate sulla copertina di uno dei suoi libri più noti “Le donne nella modernità”.

Come commento, a guisa di controcanto, riportiamo il contenuto di una poesia satirica sulle donne di Seneca Falls

 

Si son fatte le idee di voler parlare di sé

e brandiscono la Bibbia e la penna.

Son salite sul rostro, quelle elfi-megere

e -orrendo- parlano agli uomini!

Senza sbiancare vengono davanti a noi

ad arringarci, dicono, a favore degli sciocchi.

La cultura delle nostre nonne consisteva un tempo

nello stender la tovaglia sulle loro tavole generose,

nel far girare la conocchia o lavare il pavimento

e nell’obbedire il volere dei loro Signori.

Adesso le signore possono ragionare, pensare e dibattere

tanto che l’obbedienza è fuori moda.

 

I nostri saggi hanno cercato invano di esorcizzare

i loro spiriti turbolenti:

è come avere a che fare con il mare che non ha catene

o come voler conquistare l’etere con la spada.

Come i diavoli di Milton si rialzano dopo ogni colpo

e con spirito invitto insultano il nemico…

 

Per ridere un po’ ma anche per meditare…

 

 

Jolanda Leccese

Annunci